Vola con le tue ali “Alis volat propris”

Vola con le tue ali “Alis volat propris”

Giornate lunghe e luminose, l’inverno è solo un lontano ricordo, si lavora più volentieri, si studia all’aria aperta e la primavera mette di buon umore: Pasqua rappresenta sempre un traguardo.

Sembra passato così poco da Natale…e invece abbiamo lavorato tanto e forse il periodo più faticoso e grigio dell’anno si è appena concluso.

   Come sfruttare al meglio questi giorni di riposo affinché la rinascita sia totale e la crisalide che è in noi si schiuda al mondo come una meravigliosa farfalla colorata e leggiadra? 

Per chi sceglie di godersi la Pasqua in famiglia cosa c’è di più bello e rilassante di organizzare un pic-nic o una festa in giardino?

   Escursioni in montagna o giornate rilassanti nelle spiagge ancora deserte vi aspettano per una rigenerazione profonda: gite nella natura incontaminata, l’ultima neve tra le Dolomiti, la bellezza di un lago, una località termale o anche una crociera, queste le proposte per una Pasqua spensierata e formato famiglia.

   I bambini poi saranno felicissimi di creare qualcosa con le loro mani come ghirlande di fiori freschi fai da te per addobbare la tavola e la casa, dipingere uova o creare un vero e proprio albero di Pasqua.

Tra gli hobby consigliati per adulti spicca tra tutti la cura del giardino: 

“Coltivare il giardino ci macchia le mani, ma ci pulisce la mente.”

Chi preferisce viaggiare nei giorni di vacanza, deve assolutamente conoscere queste bizzarre e attraenti tradizioni pasquali:

 

...in Italia

 

-Firenze: lo scoppio del carro è un'antica tradizione che risale ai tempi delle crociate e si svolge la mattina di Pasqua. Il carro viene trasportato in piazza Duomo e una colombina accende i fuochi d'artificio contenuti al suo interno;

 

-Barile a Potenza: ogni anno nel giorno del venerdì santo questa cittadina rivive la suggestiva rappresentazione della Passione di Cristo, riproducendone le scene del calvario e della morte in croce;

 

-Prizzi a Palermo: durante il Abballu de li diavuli alcune persone indossano maschere terrificanti e vestite di rosso girano per il paese per catturare il maggior numero di anime.

 

…nel mondo

 

-Romania: la tradizione pasquale più sentita è la battaglia delle uova, un campionato al quale tutta la famiglia e gli amici prendono parte. Il mattino di Pasqua ci si lava la faccia con l’acqua nella quale sono stati messi a mollo un uovo dipinto di rosso e una moneta d’argento: simboli di salute e purezza;

 

-Svezia: i bambini si vestono da påskkärringar, streghe di Pasqua, e si dipingono il viso per andare a bussare alle porte dei vicini e riempire così il loro sacchetto di caramelle e cioccolato; 

 

-Germania: i tedeschi decorano i loro alberi con uova colorate dando vita a vere e proprie piante pasquali chiamate Osterstrauch, che inondano strade e giardini di colori, annunciando l’arrivo della primavera;

 

-Finlandia: i finlandesi credono che gli spiriti maligni vaghino liberamente il sabato prima di Pasqua, per questo durante la giornata accendono grandi falò e si vestono da streghe; 

 

-Salvador: i talcigüines sono uomini travestiti da diavoli che frustano simbolicamente gli spettatori che incontrano sul loro cammino, per capitolare poi di fronte a Gesù in segno di sottomissione, restando per molte ore sotto il sole cocente di mezzogiorno;

 

-Bulgaria: nei giorni precedenti la Pasqua si fanno grandi pulizie nelle case e si colorano uova: il primo uovo deve essere colorato di rosso, perché possa portare salute;

 

-Danimarca: la tradizione vuole che tutto in tavola sia colorato di giallo, dalle candele alla tovaglia, mentre le case vengono decorate con rami fioriti e uova dipinte.

 

 

“La farfalla non conta i mesi ma i momenti e ha tempo a sufficienza”

Maria